Due case, quella di Leonardo e Vittoria, due fratelli pronti per partire in villeggiatura insieme al Signor Filippo e sua figlia Giacinta, proprietari dell’altra abitazione. Leonardo è innamorato di Giacinta, ma sembrerebbe che suo padre abbia invitato un altro giovanotto in calesse con loro, Guglielmo. Leonardo, in preda alla gelosia, mette a repentaglio la partenza, portando la sorella Vittoria ad impazzire: la villeggiatura è una moda, uno stile di vita. Chi vale va in villeggiatura e anche con l’abito giusto, quello alla moda. È questa, con il vizio e il capriccio il centro del testo, da cui scaturiscono le smanie.

Smanie è l’adattamento del celebre classico goldoniano Le smanie per la villeggiatura. Una commedia adattata, con quattro personaggi protagonisti: Giacinta, Leonardo, Vittoria e Filippo.

Quattro personaggi, quattro attori, tutti uomini, anche nei ruoli femminili, in risposta alla battuta del testo di Goldoni: “Ma voi che vi meravigliate tanto delle donne, ditemi un poco, gli uomini non fanno peggio di noi?”. 

Livorno, anni ’60. Le smanie di uomini e donne non sono infatti così diverse. Quando si tratta di moda non c’è differenza di sesso e razza, la moda vuole essere moda. Per chiunque e in qualunque epoca.

In smanie la moda è il pretesto per raccontare tutto ciò che di superficiale esiste intorno a noi.

Quanto spazio rimane allora per l’amore?

CREDITI

ADATTAMENTO E REGIA Leonardo Bianchi

CON

Leonardo Bianchi

Francesco Capalbo

Gian Maria Labanchi

Filippo Andreetto

V.O. Andrea Baldoffei, Gianmarco Gonnelli, Paolo Perrone

COSTUMI E TRUCCO Ottavia Della Porta

PROGETTO GRAFICO Alessandro Bianchi